Friuli Venezia Giulia le principali aree sciistiche

Il Friuli Venezia Giulia Ú la regione italiana all'estremo nord-est, al confine con la Slovenia e l'Austria, con una superficie di 7846 Kmq. Di origine celtiche, carniche, romane e con una storia segnata dalle invasioni, ultima quella austriaca, nel 1963 il Friuli Ŕ approdato allo Statuto di Regione Autonoma. Dal punto di vista turistico, il Friuli offre molto, grazie alla varietÓ dei suoi paesaggi, dalla costa adriatica alle montagne, che occupano quasi metÓ del suo territorio; ricordiamo, a questo proposito, le catene delle Alpi Giulie occidentali, le Alpi Carniche, le Dolomiti orientali, sede del recente Parco Nazionale delle Dolomiti Bellunesi, e le Prealpi venete. Una delle localitÓ pi¨ frequentate Ŕ Piancavallo (1300 m), a soli 15 minuti dalla pianura pordenonese, nota per le gare di Coppa del Mondo che vi si svolgono. Sorta da pochi anni, la stazione presenta anche un centro congressi, negozi, discoteche e locali tipici per i turisti.

Un altro comprensorio relativamente recente Ŕ quello della Carnia, con le stazioni sciistiche di Forni di Sotto, Forni di Sopra, con le tipiche case in pietra e legno e con la forte identitÓ tradizionale, Zoncolan, Ravascletto-Sutrio, comprensorio ben attrezzato soprattutto per le famiglie, Sauris e Ampezzo, che presenta una buona offerta per lo sci escursionistico. Qui, per volontÓ degli abitanti, la presenza degli impianti e delle strutture turistiche non ha un grande impatto sul paesaggio, che mantiene infatti i propri connotati tipici. Per il doposci, la Carnia presenta anche le Terme di Arta, con saune, beauty farm, cure termali, ecc. Il comprensorio pi¨ vasto Ŕ quello di Tarvisio e della Sella Nevea, che oltre a queste due localitÓ comprende anche Camporosso, Lussari, Valbruna, Malborghetto, Pontebba, Chiusaforte. Il microclima della Val Canale predispone ad un buon innevamento e a fenomeni naturali interessanti. Vari gli sport invernali praticabili, dallo sleddog al parapendio. Capoluogo del Friuli è Trieste, vi segnaliamo alcuni hotel Triese.

VI SEGNALIAMO
I prosciutti di San Daniele, di Sauris (affumicato), del Carso (ad esempio di cinghiale).
- Per l'Epifania, varie e all'insegna del fuoco sono le feste in tutta la regione. In Carnia, ad esempio, ha luogo la "lis Cidulis", rotelle di legno infuocate lanciate nel cielo.
- I riti del Krampus nel Tarvisiano: secondo una tradizione non dissimile da quella austriaca, il 5 dicembre maschere mostruose raffiguranti i demoni Krampus, originariamente spiriti silvestri, accompagnano in corteo San Nicol˛, offrendo dolci ai bambini o rincorrendo e frustando i ragazzi e gli adulti.
- Il Maibaum innalzato alla vigilia di Corpus Domini a Tarvisio: si tratta di un abete ornato eretto dai giovani di leva dopo un giro del paese.
- I cjalsons carnici: sono una specie di agnolotti con ripieni di vario tipo, sia salati (ricotta, patate, basilico, finocchio, ecc.), sia dolci (mela, pera, sultanina, cannella, marmellata, ecc.)
- La "festa delle erbe di primavera" a Forni di Sopra, paese noto per il grande utilizzo delle erbe selvatiche in cucina.
- La "storia dello sci" a Ravascletto: rassegna con dimostrazioni "sul campo" di tecniche, materiali e abbigliamento per lo sci dagli albori ad oggi.

E FRA QUALCHE MESE
Notevoli sono le vestigia storiche della regione fin dalle epoche pi¨ antiche, come ad esempio a Cividale del Friuli, sede di un Museo Archeologico Nazionale progettato dal Palladio e dell'Ipogeo Celtico, un complesso di grotte artificiali, scavate su diversi piani, probabile sito funerario di epoca celtica (III sec. a. C.). Interessante Ŕ l'itinerario d'arte da Udine alla Carnia e a Tarvisio, in un succedersi di castelli, case signorili, costruzioni rustiche, ecclesiastiche, militari e centri archeologici, preziose testimonianze della complessa storia della zona, della miscela di culture, delle lingue ed etnie diverse sopravvissute a gravi eventi bellici e sismici. Un fenomeno naturale particolare avviene nel Gemonese, sul monte San Simeone, che per le sue condizioni microclimatiche ospita una straordinaria varietÓ di farfalle, a cui vengono dedicate anche numerose manifestazioni: murales sulle case, concorsi di fiabe con le farfalle come protagoniste, visite guidate, ecc. Particolare Ŕ poi l'offerta carnica di rendere accessibile a tutti il contatto diretto con le arti e i mestieri, ancora molto vivi, con week-end e settimane studiate per i turisti.inserire

  Risorse esterne

Tarvisio 0428-2135

www.tarvisiano.org

Forni di Sopra (apt Carnia) 0433-886767
www.carnia.org